Archivi tag: AMA Cuore Bari

I soci di AMA Cuore in fila per la vaccinazione Covid 19

 Insert  Riccardo Guglielmi

Bari 10 aprile 2021- Hub Fiera del levante

Giornata di Vaccinazione anti Covid presso il Centro Vaccini della Fiera del Levante per i soci di AMA Cuore Bari, l’Associazione di Volontariato ONLUS che “si prende cura e non solo” dei cardiopatici. Un momento importante per dare sicurezza a chi è portatore di malattie cardiovascolari, spesso associate al diabete e a chi sta loro vicino per assistenza e cure.

Vaccinazione-AMA-Cuore-Bari-10-aprile-20221-WEB

AMA Cuore Bari, nota e apprezzata dai cittadini baresi per le tante manifestazioni di solidarietà, in particolare per il contributo comunicativo e organizzativo durante Running Heart, “la corsa del cuore” organizzata dai cardiologi ospedalieri di Puglia,  nel corso della pandemia non ha fatto mancare il contributo di solidarietà e Auto Mutuo Aiuto secondo lo spirito associativo.

Andrea Armenise, segretario dell’Associazione, dopo aver ottenuto le regolari autorizzazioni della ASL, ha permesso che la vaccinazione avvenisse con estrema legalità riducendo al minimo i disagi per chi è già portatore di patologie fragili.

Riccardo Guglielmi, cardiologo con un passato di primario ospedaliero ora in servizio a Mater Dei Hospital, direttore scientifico dell’Associazione, ha accompagnato i soci fornendo a tutti assistenza per la compilazione dei questionari, rassicurandoli per la scelta e l’innocuità dei vaccini. Le contradditorie notizie e decisioni di questi ultimi giorni sul tipo di vaccinazione non hanno favorito quel clima di serenità e fiducia in quanti, specie se fragili, dovevano vaccinarsi. Nessuna reazione allergica o problematica sanitaria ha turbato la giornata.

Il messaggio che manda AMA Cuore è che vaccinarsi è un atto d’amore, un dovere per la sicurezza di se stessi e del nostro prossimo. Un saluto a nome di tutti al Presidente Francesco Pastanella, convalescente a casa, già “vaccinato naturalmente come prima dose”.

Redazione Corriere nazionale.net – Corriere Puglia e Lucania

Emergenza Covid: solidarietà e prevenzione in prima fila

AMA Cuore InConTraFratres di Ala Azzurra  

ama cuore solidarieta

Anche nelle fasi più drammatiche dell’emergenza Covid i volontari di AMA Cuore Bari hanno contribuito, in sinergia con le associazioni locali del terzo settore, a trasfondere solidarietà morale e materiale alle tante persone bisognose e fragili raggiunte dalla pandemia.

Tante le iniziative in questi mesi ma una particolare attenzione è da riservare alla giornata di Donazione Sangue, Prevenzione e Solidarietà che si è svolta presso la scuola Azzarita del Quartiere San Paolo di Bari  il 17 luglio.

“Un evento – riferisce Francesco Pastanella, presidente di AMA Cuore – realizzata insieme alle associazioni consorelle, Fratres Ala Azzurra e In.Con.Tra  che, pur operando in settori diversi e distinti del volontariato, sono unite dal Fil Rougedell’auto mutuo aiuto e della solidarietà”.

Il cuore dei baresi è sempre vivo e vitale. Tante sono state le adesioni, 36, per la raccolta di sangueindispensabile alle nostre strutture ospedaliere, pubbliche e accreditate, mai ferme per assicurare cure e assistenza di qualità nelle sale operatorie e nelle terapie intensive. In termini di prevenzione delle malattie cardiovascolari, i volontari di AMA Cuore, coordinati dalla dott.ssa Domenica De Laura della Cardiologia dell’Ospedale San Paolo, hanno eseguito ECG e controlli su 42 persone. Consigliato il proseguimento di accertamenti e terapie in caso di rilievo di anomalie, per esempio ipertensione arteriosa, aritmie. La raccolta di derrate fatta dai volontari di InConTra ha permesso la distribuzione di generi alimentari a famiglie del territorio in difficoltà economica.

33 articolo https://www.corrierenazionale.net/2020/08/07/emergenza-covid-solidarieta-e-prevenzione-in-prima-fila/

6 vantaggi della Cardiologia Riabilitativa. Elogi a A.M.A. Cuore Bari

  • Cronaca del Congresso GICR-IACPR Puglia

 Di Riccardo GuglielmiDirettore Comitato scientifico A.M.A. Cuore Bari

 La frase “l’esercizio fisico diventa farmaco nella terapia del post infarto” non vuole essere un efficace artifizio comunicativo ma il giusto riconoscimento a uno stile di vita che può fare la differenza nell’approccio terapeutico per quanti iniziano un percorso riabilitativo dopo un ricovero per patologia acuta cardiovascolare. Questo è stato il fil rouge che ha permesso di condurre la Tavola rotonda “Dopo il crollo la ricostruzione” inserita nella prima giornata di lavoro del Congresso GICR-IACPR Puglia “Prevenzione e riabilitazione in cardiologia” , che si è svolto a Bari il 19 e 20 ottobre  nell’Auditorium “Giovanni Ianni”, Comando Polizia Municipale Via P. Aquilino.

La cronaca della tavola rotonda può essere così riassunta.

Con leggerezza e rapidità, Riccardo Guglielmi, cardiologo di lungo corso e “giovane” giornalista scientifico coinvolge partecipanti e pubblico in un dibattito interattivo e propositivo. Gianfranco Ignone, già direttore della Cardiologia Ospedaliera di Brindisi sottolinea la centralità del cardiologo nella gestione e nella programmazione delle fasi del ciclo riabilitativo del soggetto cardiopatico, alla luce dei tentativi di far assorbire la riabilitazione cardiologica nelle strutture che gestiscono la disabilità neuro motoria e ortopedica. Carlo D’Agostino, direttore della Cardiologia ospedaliera del Policlinico di Bari, ricorda che la Cardiologia riabilitativa parte da quella clinica e che quando la malattia è ancora in fase di instabilità si può pensare a riabilitare; anche la persona con ipertensione polmonare potrebbe beneficiare della riabilitazione. Davide Traversa, responsabile della Cardiologia riabilitativa del Policlinico di Bari, traccia la storia, dalla fondazione a cura del dott. Italo de Luca ai giorni nostri, dell’unica struttura riabilitativa che in regime ambulatoriale di day hospital segue i pazienti dimessi per SCA o scompenso, e ringrazia i volontari di AMA Cuore, guidati da Nando De Muro, grande esperto nella relazione d’aiuto, che, con la formula dell’auto gestione, garantiscono l’importante sostegno psicologico.

L’Auto Mutuo Aiuto, A.M.A, il momento d’incontro tra persone unite dallo stesso problema, permette di rompere l’isolamento, scambiarsi informazioni e soluzioni con l’obiettivo di riscoprirsi RISORSA per sé e per la collettività. Fig.1

Mutuo aiuto 2018

-Fig.1 Gruppo di A.M.A. nella Cardiologia Ospedaliera del Policlinico di Bari

Ad Andrea Passantino degli Istituti Clinico Scientifici Maugeri di Cassano Murge il compito di definire la riabilitazione degenziale indicata nelle fase di instabilità del post infarto, scompenso cardiaco e nell’immediatezza post cardiochirurgica. Dall’ospedale alle cure domiciliari,  il passo, nel futuro, sarà sempre più breve. E’ quanto auspicato da Ottavio Di Cillo, responsabile della Telemedicina della Regione Puglia e dell’U.O. di Cardiologia d’urgenza di Bari, che illustra i vantaggi della telecardiologia, in termini di economicità e riduzione di disagi a pazienti e familiari. Domenico Antonelli, direttore di distretto dell’ASL BAT, fa chiarezza su significato e ruolo del caregiver e del caremanager, illustrando i percorsi formativi che la sua azienda da anni ha in cantiere. Infine Enza Colavito, responsabile URP  ICS di Cassano, accende i riflettori sull’umanizzazione delle cure e sul ruolo del volontariato elogiando quelle associazioni, AIDO, AMA Cuore,  Porta d’Oriente, che dedicano il proprio tempo per alleviare disagi e sostenere quanti sono reduci da un evento cardiologico acuto.  Fig.2

PHOTO-2018-10-22-14-30-38

Fig. 2 Tavola rotonda: Dopo il crollo la ricostruzione

E’ emerso che continuare a pensare che la Cardiologia riabilitativa coincida solo con il “training fisico” è scorretto e fortemente riduttivo. La valutazione diagnostica-strumentale serve per la stadiazione della malattia e la definizione della prognosi. Compito del cardiologo in riabilitazione è saper rendere aderenti i trattamenti e le terapie raccomandate affinché si raggiunga l’obiettivo di modificare gli stili di vita scorretti. La prescrizione dell’attività fisica rientra in un progetto “sartoriale” studiato per la persona colpita da un evento acuto cardiovascolare, serve a migliorare il potenziale di salute residuo e ad aumentare qualità e quantità di vita.

Oltre alla riuscita tavola rotonda gli obiettivi del convegno sono stati centrati nei 2 giorni di intensi lavori. «Sono state affrontate – riferisce Rocco Lagioia, direttore Riabilitazione cardiovascolare ICS Cassano Murge – le varie problematiche inerenti la cardiologia riabilitativa allo scopo di favorire maggiori conoscenze sull’argomento da parte delle diverse figure professionali coinvolte nel processo e di conseguenza migliorare il trattamento dei pazienti affetti da cardiopatia cronica».

Tanti e qualificati gli esperti che sono intervenuti: Piero Fiore, Marco Guazzi, Alfonso Galati, Marco Ciccone, Carlo D’Agostino, Davide Traversa, Paolo Colonna, Vito Vulpis, Gaetano Contegiacomo, Massimo Grimaldi.

La Riabilitazione Cardiologica è secondo l’ESC, Società europea di cardiologia , “la somma degli interventi richiesti per garantire le migliori condizioni fisiche, psicologiche e sociali in modo che i pazienti con cardiopatia cronica o dopo episodio acuto possano conservare o riprendere il proprio ruolo nella società”.

Combinando la prescrizione dell’attività fisica con le modifiche del profilo di rischio, la riabilitazione cardiologica ha come fine ultimo quello di favorire la stabilità clinica del paziente, di ridurre il rischio di successivi eventi cardiovascolari e ridurre le disabilità conseguenti alla cardiopatia.

Come gli stessi organizzatori, Rocco Lagioia, Andrea Passantino e Domenico Scrutinio di Istituti Clinico Scientifici Maugeri di Cassano Murge, hanno evidenziato, gli effetti favorevoli della Riabilitazione Cardiologica e della Prevenzione comprendono:

  • Riduzione della mortalità, soprattutto di morte improvvisa nel primo anno dopo infarto miocardico
  • Miglioramento della tolleranza allo sforzo, dei sintomi di angina e di scompenso
  • Miglioramento del profilo di rischio cardiovascolare
  • Miglioramento della qualità di vita
  • Più frequente ritorno al lavoro
  • Maggiore autonomia funzionale

I programmi riabilitativi si basano sulla valutazione dei seguenti 3 punti:

  1. Stima del rischio cardiovascolare globale;
  2. Identificazione di obiettivi da raggiungere per ciascun fattore di rischio;
  3. Preparazione di un programma di trattamento individuale.

Per svolgere un’attività di questo tipo è necessaria la sinergia di diverse figure professionali in grado di collaborare con gli specialisti cardiologi quali l’infermiere professionale, il terapista della riabilitazione, lo psicologo e il dietologo. Fig.3

Gruppo_clinica_30marzo2009

-Fig.3  Il dott. Italo de Luca, al centro, fondatore della Cardiologia Riabilitativa nel Policlinico di Bari

L’evento ha avuto valore formativo per medici, farmacisti, infermieri e fisioterapisti.

Segreteria organizzativa e provider ECM: Italiana Congressi e formazione

 

 

La parola diventa farmaco nel Castello di Sannicandro

Prevenzione cardiovascolare: incontro tra esperti e cittadini

Il 20 settembre, inizio ore 18, presso la Sala del Trono del castello normanno a Sannicandro di Bari, il Comune, AMA Cuore Bari e UTE, l’Università della Terza Età, hanno organizzato un incontro, libero e aperto alla popolazione, dal titolo “La prevenzione cardiovascolare: parliamone insieme” .

L’obiettivo è implementare sul territorio la cultura della lotta, attraverso la prevenzione, alle malattie cardiovascolari, valorizzando i prodotti della nostra agricoltura e delle tante imprese locali di trasformazione. EVO, olio extravergine di oliva, cereali, buon vino, mandorle, noci, pomodori, prodotti da forno e lattiero caseari, rappresentano gli elementi nutrizionali base della dieta mediterranea, patrimonio mondiale per la prevenzione cardiovascolare e oncologica.

Nell’incontro, molto voluto dal Sindaco di Sannicandro, Beppe Giannone, sono previsti interventi di esperti. Vito Calaprice, Medico legale e di Medicina Generale modererà le relazioni di Riccardo Guglielmi, cardiologo e giornalista  e di Tiziana Errico, nutrizionista.

«Voglio ringraziare il Sindaco e l’UTE di Sannicandro – riferisce Francesco Pastanella, presidente di AMA Cuore – che ci permettono la promozione della salute sul territorio, uno degli obiettivi della nostra associazione di Auto Mutuo Aiuto». «Le relazioni – commenta Riccardo Guglielmi – saranno improntate all’interattività e al dialogo con il pubblico affinché i messaggi risultino efficaci e propositivi per il miglioramento dello stile di vita dei presenti».

PHOTO-2018-09-21-14-08-30 PHOTO-2018-09-21-14-08-31 (2) PHOTO-2018-09-21-14-08-32 (3) PHOTO-2018-09-21-14-08-32 (4) PHOTO-2018-09-21-14-08-32 PHOTO-2018-09-21-14-08-33 (5) PHOTO-2018-09-21-14-08-33 (6) PHOTO-2018-09-21-14-08-33 PHOTO-2018-09-21-14-08-34 (7) PHOTO-2018-09-21-14-08-34 (8) PHOTO-2018-09-21-14-08-35 (9) PHOTO-2018-09-21-14-08-35

Ingresso gratuito

Bari 20.09.2018

http://www.corrierenazionale.net/2018/09/14/la-parola-diventa-farmaco-nel-castello-di-sannicandro/