Archivi categoria: Articolo

Cuore sempre più giovane

E’ cominciata una nuova avventura

Entusiasmo e voglia di mettersi nuovamente in gioco non mancano. Conoscere nuovi colleghi, giovani ma con un alto bagaglio di professionalità, condividere esperienze e competenze, contribuire a migliorare la salute di chi soffre sono le premesse rendono stimolante questo nuovo percorso professionale.

Mater Dei   (1)

Mater Dei   (2)

Sto provando una sensazione di benessere che mi ha fatto ritornare in mente che “C’è una cosa che, man mano che passa il tempo, invece di diventare vecchia diventa  sempre più giovane, il cuore”

 

6 vantaggi della Cardiologia Riabilitativa. Elogi a A.M.A. Cuore Bari

  • Cronaca del Congresso GICR-IACPR Puglia

 Di Riccardo GuglielmiDirettore Comitato scientifico A.M.A. Cuore Bari

 La frase “l’esercizio fisico diventa farmaco nella terapia del post infarto” non vuole essere un efficace artifizio comunicativo ma il giusto riconoscimento a uno stile di vita che può fare la differenza nell’approccio terapeutico per quanti iniziano un percorso riabilitativo dopo un ricovero per patologia acuta cardiovascolare. Questo è stato il fil rouge che ha permesso di condurre la Tavola rotonda “Dopo il crollo la ricostruzione” inserita nella prima giornata di lavoro del Congresso GICR-IACPR Puglia “Prevenzione e riabilitazione in cardiologia” , che si è svolto a Bari il 19 e 20 ottobre  nell’Auditorium “Giovanni Ianni”, Comando Polizia Municipale Via P. Aquilino.

La cronaca della tavola rotonda può essere così riassunta.

Con leggerezza e rapidità, Riccardo Guglielmi, cardiologo di lungo corso e “giovane” giornalista scientifico coinvolge partecipanti e pubblico in un dibattito interattivo e propositivo. Gianfranco Ignone, già direttore della Cardiologia Ospedaliera di Brindisi sottolinea la centralità del cardiologo nella gestione e nella programmazione delle fasi del ciclo riabilitativo del soggetto cardiopatico, alla luce dei tentativi di far assorbire la riabilitazione cardiologica nelle strutture che gestiscono la disabilità neuro motoria e ortopedica. Carlo D’Agostino, direttore della Cardiologia ospedaliera del Policlinico di Bari, ricorda che la Cardiologia riabilitativa parte da quella clinica e che quando la malattia è ancora in fase di instabilità si può pensare a riabilitare; anche la persona con ipertensione polmonare potrebbe beneficiare della riabilitazione. Davide Traversa, responsabile della Cardiologia riabilitativa del Policlinico di Bari, traccia la storia, dalla fondazione a cura del dott. Italo de Luca ai giorni nostri, dell’unica struttura riabilitativa che in regime ambulatoriale di day hospital segue i pazienti dimessi per SCA o scompenso, e ringrazia i volontari di AMA Cuore, guidati da Nando De Muro, grande esperto nella relazione d’aiuto, che, con la formula dell’auto gestione, garantiscono l’importante sostegno psicologico.

L’Auto Mutuo Aiuto, A.M.A, il momento d’incontro tra persone unite dallo stesso problema, permette di rompere l’isolamento, scambiarsi informazioni e soluzioni con l’obiettivo di riscoprirsi RISORSA per sé e per la collettività. Fig.1

Mutuo aiuto 2018

-Fig.1 Gruppo di A.M.A. nella Cardiologia Ospedaliera del Policlinico di Bari

Ad Andrea Passantino degli Istituti Clinico Scientifici Maugeri di Cassano Murge il compito di definire la riabilitazione degenziale indicata nelle fase di instabilità del post infarto, scompenso cardiaco e nell’immediatezza post cardiochirurgica. Dall’ospedale alle cure domiciliari,  il passo, nel futuro, sarà sempre più breve. E’ quanto auspicato da Ottavio Di Cillo, responsabile della Telemedicina della Regione Puglia e dell’U.O. di Cardiologia d’urgenza di Bari, che illustra i vantaggi della telecardiologia, in termini di economicità e riduzione di disagi a pazienti e familiari. Domenico Antonelli, direttore di distretto dell’ASL BAT, fa chiarezza su significato e ruolo del caregiver e del caremanager, illustrando i percorsi formativi che la sua azienda da anni ha in cantiere. Infine Enza Colavito, responsabile URP  ICS di Cassano, accende i riflettori sull’umanizzazione delle cure e sul ruolo del volontariato elogiando quelle associazioni, AIDO, AMA Cuore,  Porta d’Oriente, che dedicano il proprio tempo per alleviare disagi e sostenere quanti sono reduci da un evento cardiologico acuto.  Fig.2

PHOTO-2018-10-22-14-30-38

Fig. 2 Tavola rotonda: Dopo il crollo la ricostruzione

E’ emerso che continuare a pensare che la Cardiologia riabilitativa coincida solo con il “training fisico” è scorretto e fortemente riduttivo. La valutazione diagnostica-strumentale serve per la stadiazione della malattia e la definizione della prognosi. Compito del cardiologo in riabilitazione è saper rendere aderenti i trattamenti e le terapie raccomandate affinché si raggiunga l’obiettivo di modificare gli stili di vita scorretti. La prescrizione dell’attività fisica rientra in un progetto “sartoriale” studiato per la persona colpita da un evento acuto cardiovascolare, serve a migliorare il potenziale di salute residuo e ad aumentare qualità e quantità di vita.

Oltre alla riuscita tavola rotonda gli obiettivi del convegno sono stati centrati nei 2 giorni di intensi lavori. «Sono state affrontate – riferisce Rocco Lagioia, direttore Riabilitazione cardiovascolare ICS Cassano Murge – le varie problematiche inerenti la cardiologia riabilitativa allo scopo di favorire maggiori conoscenze sull’argomento da parte delle diverse figure professionali coinvolte nel processo e di conseguenza migliorare il trattamento dei pazienti affetti da cardiopatia cronica».

Tanti e qualificati gli esperti che sono intervenuti: Piero Fiore, Marco Guazzi, Alfonso Galati, Marco Ciccone, Carlo D’Agostino, Davide Traversa, Paolo Colonna, Vito Vulpis, Gaetano Contegiacomo, Massimo Grimaldi.

La Riabilitazione Cardiologica è secondo l’ESC, Società europea di cardiologia , “la somma degli interventi richiesti per garantire le migliori condizioni fisiche, psicologiche e sociali in modo che i pazienti con cardiopatia cronica o dopo episodio acuto possano conservare o riprendere il proprio ruolo nella società”.

Combinando la prescrizione dell’attività fisica con le modifiche del profilo di rischio, la riabilitazione cardiologica ha come fine ultimo quello di favorire la stabilità clinica del paziente, di ridurre il rischio di successivi eventi cardiovascolari e ridurre le disabilità conseguenti alla cardiopatia.

Come gli stessi organizzatori, Rocco Lagioia, Andrea Passantino e Domenico Scrutinio di Istituti Clinico Scientifici Maugeri di Cassano Murge, hanno evidenziato, gli effetti favorevoli della Riabilitazione Cardiologica e della Prevenzione comprendono:

  • Riduzione della mortalità, soprattutto di morte improvvisa nel primo anno dopo infarto miocardico
  • Miglioramento della tolleranza allo sforzo, dei sintomi di angina e di scompenso
  • Miglioramento del profilo di rischio cardiovascolare
  • Miglioramento della qualità di vita
  • Più frequente ritorno al lavoro
  • Maggiore autonomia funzionale

I programmi riabilitativi si basano sulla valutazione dei seguenti 3 punti:

  1. Stima del rischio cardiovascolare globale;
  2. Identificazione di obiettivi da raggiungere per ciascun fattore di rischio;
  3. Preparazione di un programma di trattamento individuale.

Per svolgere un’attività di questo tipo è necessaria la sinergia di diverse figure professionali in grado di collaborare con gli specialisti cardiologi quali l’infermiere professionale, il terapista della riabilitazione, lo psicologo e il dietologo. Fig.3

Gruppo_clinica_30marzo2009

-Fig.3  Il dott. Italo de Luca, al centro, fondatore della Cardiologia Riabilitativa nel Policlinico di Bari

L’evento ha avuto valore formativo per medici, farmacisti, infermieri e fisioterapisti.

Segreteria organizzativa e provider ECM: Italiana Congressi e formazione

 

 

Bellezza oltre la malattia, missione oltre la vita

Parole e note nella Serata solidale nel ricordo di Michele Pascone

2018-05-24-PHOTO-00000006

Di Riccardo Guglielmi

Nel ricordo di un grande medico e di un grande uomo domenica 10 giugno, inizio ore 19.00 presso il Trappetello, Contrada Lamalunga 149 Monopoli, è stata organizzata la Serata Solidale a favore dell’Associazione Onlus “Vergine Maria della Misericordia”.  Il ricavato dell’evento, solo contributi liberali in ingresso libero, contribuirà alla realizzazione dell’Ospedale nel villaggio Mivumoni, Tanzania, intitolato alla memoria del Prof. Michele Pascone.

Michele Pascone, allievo del prof. Dioguardi, è stato il direttore della Chirurgia plastica e ricostruttiva dell’Università Aldo Moro di Bari sino alla prematura scomparsa, al termine di una lunga seduta operatoria,  la sera dell’11  febbraio 2014. Rigore scientifico, studio continuo, ricerca di soluzioni innovative, innata manualità chirurgica, vero dono divino, hanno reso il prof. Pascone, un maestro tanto apprezzato nel mondo accademico nazionale e internazionale. Portava lustro alla chirurgia plastica per la dedizione al proprio lavoro, svolto sempre con intensità, professionalità e serietà. La sua personalità affascinava   i giovani medici che iniziavano il percorso della specializzazione. Era un chirurgo perfezionista, deciso, instancabile e chi scrive, ha condiviso le prime esperienze professionali nel Pronto Soccorso dell’ospedale di Mola nel lontano 1975, riconoscendogli doti professionali e umani fuori del comune. Anche in presenza di gravi lesioni interne o di instabilità cardiocircolatoria la ricerca della bellezza oltre la malattia era la sua stella polare. Quella “ricerca della bellezza oltre il tumore” era stato lo slogan vincente del 62° Congresso nazionale della SICPRE Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica, che Miche Pascone aveva organizzato a Bari pochi mesi prima della sua prematura scomparsa. Pazienti, medici e artisti raccontarono, in un’indimenticabile serata al teatro Petruzzelli il 25 settembre 2013,  situazioni ed emozioni di malattia, intervento e ricostruzione; insieme dimostrarono che grazie alla chirurgia plastica, anche dopo un tumore mammario, si può ritrovare l’integrità e la bellezza del proprio corpo.

Al decisionismo e all’operatività di un grande chirurgo non mancava l’atteggiamento mite, umano e solidale. Le qualità umane, la bontà d’animo, l’amore per il prossimo, il sorriso anche nei momenti difficili, rendevano speciale e amicale il rapporto con le persone.

Alla “bellezza oltre la malattia” dava valore di creazione divina e forse come Angelo del bene si recava in Africa e in Palestina in missioni umanitarie mettendo a disposizione la sua grande professionalità e l’abilità chirurgica per riportare bellezza, armonia e integrità nei corpi martoriati da ferite deturpanti per guerre, conflitti tribali, infezioni e malnutrizione. Nel 2011 era stato 5 volte in Palestina ma era affascinato dall’Africa, tanto da contrarre “il mal d’Africa” cioè la voglia di tornare per dare in loco amore, solidarietà e felicità. Sperava di tornare nel villaggio Mivumoni e ricostruire la mano a quella bimba, con lui nella foto, vittima innocente della furia selvaggia e omicida di odi parentali e tribali. Chi ha ricevuto bene in modo disinteressato non può dimenticare ed ecco la volontà delle Suore della Vergine Maria della Misericordia di rendere immortale Michele Pascone dedicandogli un intero ospedale in una terra tanto amata. A tutti noi il compito di trasformare il sogno in realtà; basterà un po’ di altruismo e generosità per far continuare l’opera meritoria di un grande medico e di un grande uomo e rendere oltre la vita lo spirito della sua missione.

La Serata solidale si arricchirà del contributo di Don Mario Persano, Cappellano dell’Ospedale oncologico Giovanni Paolo II di Bari e dell’orchestra diretta dal Maestro Paolo Lepore, entrambi grandi amici del prof. Pascone. Parole e note che attraverso i cuori, viaggeranno nel cielo e raggiungeranno quell’Angelo Michele che al posto della spada avrà il bisturi che porta armonia bellezza e gioia a quanti soffrono e che continuerà a guidare la mano dei chirurghi plastici che s’ispireranno al suo modo di essere uomo e medico.

34 articolo.