Archivi tag: evidenza

Depressione suicidio Covid

Bari – In 2 giorni 2 suicidi per impiccagione scatenati dalla depressione che la pandemia Covid genera in soggetti fragili.

Nella notte un giovane di 24 anni si è tolta la vita, lasciando la compagna e una bambina di pochi mesi e nel mattino successivo un paziente di 50 anni, ricoverato nel reparto Covid di un Ospedale barese è stato trovato senza vita nel bagno della degenza. L’impiccagione è la causa di entrambi i decessi.

Covid 19 crea danni diretti e indiretti e la depressione diventa patologia che può portare a gesti estremi.

La paura delle conseguenze della malattia, le difficoltà economiche legate alla perdita del lavoro, alla chiusura delle attività commerciali e la convivenza forzata creano le condizioni che innescano nei soggetti fragili la miccia che porta a conseguenze estreme.  Un sostegno psicologico dovrà essere previsto per tutti gli ammalati che hanno conosciuto l’esperienza con la il Covid.

https://www.corrierepl.it/2021/03/26/depressione-suicidio-e-covid/

I medici italiani candidati al Nobel per la Pace 2021

Benestare da Oslo

Insert Riccardo Guglielmi

Covid-19-cardiologia-854x540

Oslo ha dato il suo benestare alla candidatura al Nobel per la Pace 2021 , riferito all’ emergenza del 2020, di infermieri e medici italiani con la seguente motivazione : “Il personale sanitario italiano è stato il primo nel mondo occidentale a dover affrontare una gravissima emergenza sanitaria, nella quale ha ricorso ai possibili rimedi di medicina di guerra combattendo in trincea per salvare vite e spesso perdendo la loro”.

E’ la prima volta nella storia che il personale sanitario di una Nazione ricevesse una candidatura al Nobel per la pace. E’ la vittoria del coraggio e del sacrificio dei medici e degli infermieri italiani , mandati a combattere a mani nude nella nostra sanità malridotta e calpestata da tagli e tangenti, complice l’ignobile a politica degli ultimi anni. Il PREMIO NOBEL PER LA PACE è il più prestigioso dei NOBEL, è l’unico che viene assegnato a Oslo, in Norvegia, ( tutti gli altri Nobel in Svezia), ogni anno dal 1901, per volere del suo fondatore, Alfred Nobel. 5 membri della commissione Norvegese scelgono poi tra le candidature giunte, il più prestigioso premio che esista al Mondo. Già che la commissione abbia scelto di candidare medici e infermieri Italiani è motivo di grande orgoglio per i nostri eroi in corsia.

Lisa Clark, già premio Nobel per la Pace 2017,aveva appoggiato la candidatura del corpo sanitario Italiano al Nobel 2021. ” La sua abnegazione nell’ emergenza del 2020 è stata commovente. Qualcosa di simile a un libro delle favole, da decenni non si vedeva niente del genere. Il personale sanitario italiano non ha più pensato a se stesso ma a cosa poteva fare per gli altri con le proprie competenze”. Una notizia che giunge proprio mentre l’Italia ricorda con il 18 Marzo ” La giornata nazionale delle vittime del Covid-19.”

Fonte Antonio D’anca – Servier Italia

9 articolo 2021 https://www.corrierenazionale.net/2021/03/21/i-medici-italiani-candidati-al-nobel-per-la-pace-2021/

Due insegnanti rischiano di morire durante la didattica a distanza

Oltre la cronaca: tragedia sfiorata

Salvate da Giulia la figlia della più grave

Di Riccardo Guglielmi

Le-maestre-di-Triggiano-854x540

Antonella B. e Simona S.  entrambe giovani docenti del Secondo Circolo Giovanni XXIII di Triggiano, mentre svolgevano nella stessa abitazione didattica a distanza, improvvisamente hanno accusato malessere generale,  perdita della conoscenza con caduta a terra e trauma cranico per Simona S. La fortuna ha voluto che Giulia, studentessa della facoltà di Giurisprudenza e figlia dell’insegnate più grave, accorsa quasi per caso, senza lasciarsi prendere dal panico, ha subito aperto le finestre,  allertato il 118 e cominciato a praticare le manovre di primo soccorso, ripristinando con successo la coscienza della madre e dell’altra docente. Pochi minuti e gli operatori del 118  hanno inviato Simona al PS dell’Ospedale Di Venere per commozione cerebrale e Antonella al PS di Mater Dei Hospital perché affetta da difficoltà respiratorie.

«Diagnosi immediata di sospetto – ci ha riferito la dott.ssa Cristina Pesola, medico in servizio nel PS di Mater Dei – confermata dall’emogasanalisi. Intossicazione da monossido di carbonio, CO, il gas killer inodore e insapore, prodotto durante la combustione che sposta l’ossigeno dall’emoglobina dei globuli rossi e impedisce l’ossigenazione di organi e tessuti; morte sicura in pochi minuti. È stata l’immediatezza del soccorso a evitare la tragedia».

Entrambi i Pronto Soccorso hanno segnalato il caso al Centro veleni dell’Ospedale Niguarda di Milano che ha approvato i trattamenti terapeutici messi in atto. Per la mamma di Giulia sono state necessarie 2 sedute di camera iperbarica presso l’Ospedale San Paolo. Le consulenze specialistiche hanno escluso a entrambe danni cardiaci e cerebrali. Un giorno di osservazione e subito a casa ad abbracciare le famiglie. Un probabile guasto nell’impianto di riscaldamento ma tragedia per fortuna evitata e un lieto fine per tutti.

Forse alla luce dei cambiamenti della modalità di lavoro indotti dalla pandemia, didattica a distanza per esempio, sorge il dubbio se questo episodio sia da catalogare come “infortunio sul lavoro”.

Riccardo Guglielmi – Giornalista scientifico –

Redazione Corriere nazionale.net – Corriere Puglia e Lucania

Bari 27.02.2021

https://www.corrierepl.it/2021/02/27/oltre-la-cronaca-tragedia-sfiorata/

Riccardo Guglielmi: giornalista scientifico de Il Corriere Nazionale

di Antonio Peragine*

La pratica quotidiana nel giornalismo, nell’editoria e il vissuto personale mi hanno permesso di conoscere in tutti questi anni un alto numero di medici seri e preparati a cui  potersi rivolgere per ottenere risposte a necessità di salute. Ho incontrato cattedratici, scienziati, medici pubblici e privati, apprezzati per la qualità delle loro prestazioni,  l’invidiabile curriculum  e le posizioni di carriera, ma mancava una persona che, a tutte queste caratteristiche, affiancasse umiltà, umanità e quell’empatia che rende indissolubile e costruttivo il rapporto medico paziente. Qualche anno fa, era il 2013, assistevo per motivo professionali alla presentazione delle Giornate di Cardiologia aperta, un evento organizzato dalla Cardiologia Ospedaliera del Policlinico di Bari. Il direttore Riccardo Guglielmi e il suo gruppo avevano aperto le porte del reparto alla cittadinanza illustrando, come fanno i militari il 4 novembre Festa delle Forze Armate, chi erano, cosa facevano e cosa si proponevano di fare. Si capiva che medici e infermieri erano l’espressione di un gruppo compatto che si muoveva con efficacia ed efficienza. Tutti integrati e fieri nel proprio ruolo dimostravano che il loro obiettivo era l’interesse e la cura del paziente.  Forse situazioni ideali ma non troppo frequenti, ma una frase, scandita dal dott. Guglielmi mi colpì subito: “in medicina prima di ogni cosa ci vuole umiltà.. tanta umiltà”.

Con questa premessa è facile tracciare il profilo del professionista. Classe 50, laurea e specializzazioni, cardiologia e cardioangiochirurgia a pieni voti, a 27 anni era già uno specialista cardiologo, esperienze e formazione in Italia e all’estero, ospedaliero cominciando da assistente, dirigente e direttore di Struttura complessa. Tante le pubblicazioni scientifiche, le partecipazioni a congressi, le consulenze, dalla Sanità militare ai Tribunali civili e penali, al Ministero dell’Economia e Finanza. Nel Policlinico oltre alla Cardiologia ospedaliera, offriva il suo contributo professionale alla Medicina dello Sport e alla Pediatria dove si era fatto promotore di un ambulatorio cardiologico dedicato prevalentemente ai piccoli ricoverati in trattamento oncologico. È esperto in Cardiologia dello Sport e Forense con incarichi nelle Società scientifiche; importante il ruolo con l’Università di Bari per gli insegnamenti nelle Scuole di specializzazione e nelle lauree delle Professioni sanitarie. Esaminando il suo curriculum mi sono accorto che quel professionista è un giocatore che in una squadra sa coprire tutti i ruoli: medico di medicina generale, specialista ambulatoriale interno ed esterno,  medico volontario, ufficiale medico. Questo in quasi 45 anni di professione gli ha permesso di essere a contatto con il prossimo, saper ascoltare e proporre soluzioni anche in situazioni sanitarie non prettamente inerenti alle sue specializzazioni. Il paziente e i famigliari gli riconoscono carisma, ruolo scientifico e professionale ma dopo poco, grazie alle capacità empatiche, vedono abbattuto quell’iniziale muro legato alla differenza di ruolo.

Il rapporto da formale diventa amicale e il dott. Guglielmi da  Prof. diventa Riccardo, uno di famiglia a cui rivolgersi nei momenti difficili. Tra i riconoscimenti dobbiamo menzionare la nomina a Commendatore al Merito della Repubblica Italiana e nel 2015 è stato conferito il  Premio “La Buona Medicina” dall’Ordine dei Medici di Bari. Importante l’attività di volontariato: direttore scientifico della Onlus AMA Cuore di Bari, consulente medico dell’Opera San Nicola di Don Mario Persano.

Nelle scuole, nelle manifestazioni sociali della nostra città, Vivicittà, Running Heart, Race For the Cure, non ha mai fatto mancare il contributo professionale. Il dott. Guglielmi è capace di prevenire le aspettative andando sempre incontro ai bisogni. Sa affrontare emergenze e urgenze, sa assumersi responsabilità, sa prendere decisioni difficili, mai temerarie, sempre animate dal buon senso e da umanità. Considerate le buone capacità comunicative, terminato il servizio ospedaliero si è avvicinato al giornalismo e con tanta umiltà è stato praticante giornalista.

In questo ruolo ha saputo far tesoro dei consigli e dell’esperienza dei colleghi della nostra redazione, ha pubblicato articoli prevalentemente di carattere scientifico ottenendo, dopo i 2 anni di legge, l’iscrizione all’Albo dei Giornalisti della Puglia come Pubblicista.

A tutt’oggi continua l’attività giornalistica. Responsabile della comunicazione sanitaria nelle nostre 3 testate, Corrienenazionale.net, CorrierePL, Radici, è invitato come moderatore e relatore in congressi e dibattiti. Non è mancata la conduzione televisiva di rubriche a carattere medico e scientifico. L’attività di giornalista è indirizzata alla diffusione di messaggi inerenti informazione e prevenzione in ambito cardiovascolare e oncologico. Il pensionamento da Direttore medico nel Policlinico non ha interrotto la professione che continua nella formazione, nella ricerca, nel volontariato, nella didattica Universitaria (docente nei Master di Etica), Consulente presso Mater Dei Hospital  e il Comando Carabinieri Puglia.

In sintesi il profilo del dott. Riccardo Guglielmi si esprime con il suo modo unico di essere il medico che, alle qualità professionali, scientifiche e didattiche, affianca generosità, umanità, velocità e flessibilità nella risoluzione di problematiche complesse, capacità di fare squadra e affidare il ruolo giusto a ogni collaboratore.

Le qualità comunicative, perfezionate e aumentate con la pratica giornalistica, gli consentono di diffondere messaggi educativi su argomenti complessi. La leggerezza espositiva del messaggio permette ai non addetti ai lavori di seguire e partecipare senza annoiarsi.  Il rapporto medico paziente, che deve essere alla base della Sanità italiana, diventa così unico, efficace e propositivo.

Da parte dello scrivente, sempre attento a riconoscere e promuovere le risorse umane, non poteva mancare un giusto riconoscimento, attraverso le nostre testate, al nostro giornalista scientifico,

Antonio Peragine* direttore responsabile

Riccardo Guglielmi: giornalista scientifico de Il Corriere Nazionale

Cosa dire leggendo questo articolo di Antonio Peragine  e questo riconoscimento

attestato riccardo guglielmi “Un ringraziamento speciale al dott. Antonio Peragine direttore delle testate giornalistiche Corriereazionale.net, Corriere di Puglia e Lucania, Radici per le belle parole che mi ha dedicato in questo articolo. Per me è un onore e un privilegio far parte del gruppo che Antonio ha saputo creare. Giornalismo serio, mai scandalistico, sempre dalla parte del lettore a cui fornire Verità, Approfondimento, Cultura.”