Archivi categoria: Dai Giornali

Fegato grasso nei bambini, la colpa è del fruttosio

L’eccesso fa aumentare l’acido urico

fruttosio

 

Di Riccardo Guglielmi

Se una dieta sbilanciata negli adulti crea grossi squilibri metabolici e patologie gravi come aterosclerosi, diabete e gotta, lo zucchero in eccesso è veleno per il fegato dei nostri figli. Lo zucchero naturale è ampiamente presente in molti dei cibi che consumiamo abitualmente. Dalla frutta ai vegetali, dalla pasta alla pizza, il fruttosio in una dieta bilanciata non provoca effetti negativi, eppure l’abuso sistematico genera gli stessi effetti dell’alcol, in particolare nei bambini.

Questa la fotografia scattata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù che, per la prima volta, dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche. Lo studio è stato condotto tra il 2012 e il 2016 su 271 bambini e ragazzi affetti da fegato grasso.

In un bambino su due gli esami effettuati hanno rilevato livelli eccessivi di acido urico in circolo. L’acido urico è uno dei prodotti finali della sintesi del fruttosio nel fegato. Attraverso ulteriori indagini, incrociate con i dati emersi dal questionario alimentare somministrato ai pazienti, i ricercatori hanno dimostrato l’associazione tra gli alti livelli di acido urico e l’aggravarsi del danno al fegato, soprattutto tra i grandi consumatori di fruttosio: quanto più zucchero ingerivano con la dieta abituale, tanto maggiore era il danno riportato dalle loro cellule epatiche.

http://www.corrierenazionale.net/2017/08/02/fegato-grasso-nei-bambini-la-colpa-e-del-fruttosio/

 

 

Anto’ fa caldo

La miglior difesa è l’alimentazione

vecchi panchina

Di Riccardo Guglielmi

Lucifero è arrivato ed è giornata da bollino rosso per il Sud Italia e la nostra città. Imparare ad alimentarsi nei giorni di caldo, con l’umidità che aumenta la sensazione di fastidio è fondamentale per la prevenzione di malesseri e variazioni di umore.

Il nostro stile di vita mediterraneo è sempre vincente, ma servono meno calorie. I pasti devono essere leggeri e le quantità ridotte. I carboidrati prendiamoli dalla frutta di stagione e riduciamo le porzioni di pasta. Frutta e verdura apportano all’organismo acqua, sali minerali, fibre e vitamine. Niente fritti, occasionalità e moderazione concesse; come dire no al panzerotto barese o ai fiori di zucca romani. Legumi, poca carne, preferire quella bianca, pollo, tacchino e coniglio, pesce azzurro, ricco di omega 3-6, non devono mancare nei nostri piatti. Sempre valida la regola di limitare il consumo del sale, specie se la pressione arteriosa è alta. Lo yogurt, a colazione o come spuntino con frutta secca ricca di antiossidanti, mandorle, noci, pistacchi, è sempre utile; qualche volta un buon gelato alla frutta può sostituire il pranzo o la cena e serve a rinfrescarci. L’olio extravergine d’oliva, dose giornaliera 2 cucchiai, sarà il condimento esclusivo.
Bisogna bere acqua in quantità, due litri al giorno, meglio con limone e poche foglie di menta o basilico, per reintegrare i liquidi persi col sudore. Evitare le bevande gasate. Negli anziani lo stimolo della sete ridotto e la minore efficienza dei meccanismi che regolano la temperatura corporea favoriscono l’insorgenza di disturbi cardiaci e cerebrali. Se gli anziani sono nostri conviventi, invogliamoli a bere anche quando non hanno sete. Ai bambini è preferibile un estratto o un frullato di frutta fresca in sostituzione delle bibite in commercio, molto caloriche, ricche di zuccheri, sodio e aggiuntivi non proprio salutari. Acqua e bevande in genere non devono essere troppo fredde; contrastano troppo con la temperatura del corpo e possono causare gravi congestioni. Gli alcolici dilatano i vasi sanguigni e aumentano la sudorazione, il caffè incrementa i battiti cardiaci e favorisce la diuresi; non superiamo le 2 tazze al dì. Vino o birra con moderazione e responsabilità, superalcolici da eliminare.
Vexata quaestio per tutti gli integratori salini e vitaminici. Per sportivi e non sempre meglio spremute, succhi di frutta, frullati e yogurt perché reintegrano i sali minerali persi con la sudorazione e apportano altri nutrienti importanti per l’organismo.

Non dimentichiamoci degli animali domestici, anche a loro molta acqua fresca da lasciare in zona ombreggiata.

Pochi ma giusti accorgimenti riguardanti alimentazione, abbigliamento e condizione climatica delle abitazioni ci permetteranno di affrontare calura e afa estiva senza distoglierci dagli impegni famigliari, lavorativi e sociali.

 

http://www.corrierenazionale.net/2017/08/02/anto-fa-caldo/

Una giovane militare, un prete e un medico tra i nuovi colleghi

Deontologia base della professione di giornalista di pubblicista. Cerimonia di consegna della tessera

Consegna tessara Guglielmi

Di Riccardo Guglielmi

Si è svolto questa mattina a Bari, dalle ore 9.30 alle 13.30, nella sede dell’Ordine dei giornalisti dl Puglia il corso di aggiornamento di deontologia professionale, riservato ai giornalisti pubblicisti recentemente iscritti all’Ordine.

Il saluto e il benvenuto ai nuovi colleghi è stato portato dal Presidente dell’ordine, Valentino Losito che, nel suo discorso, ha detto “l’uomo è ciò che legge e attraverso il linguaggio passano le culture. Il web ha creato il comunismo dell’informazione e la deontologia deve ispirare i comportamenti di chi svolge la professione secondo prerogative di responsabilità e verità”.

La deontologia – ha spiegato Gianfranco Summa, Consigliere dell’ordine – è l’insieme delle norme professionali che seguono i confini dei doveri e diritti”.  Punto di riferimento legislativo nella professione di giornalista è la legge 69 del 1963 che negli articoli 1 e 2 afferma l’informazione, è un diritto inalienabile come quello della salute e dell’istruzione. Giornalisti ed editori sono tenuti all’osservanza delle norme di legge dettate a tutela dell’altrui libertà, al rispetto della sostanziale verità dei fatti e alla leale collaborazione tra colleghi. La fiducia dei lettori si acquisisce se queste prerogative sono rispettate.

Il Testo unico della deontologia dei giornalisti è composto di 5 parti: codice deontologico e carte di Treviso, Firenze e Roma che sono rispettivamente rivolte alla tutela dei soggetti più deboli (minori e vittime) al giusto pagamento da parte degli editori e al rispetto delle etnie e delle diversità religiose. La carta dell’informazione economica precisa che la manipolazione e lo sfruttamento di notizie di carattere economiche per sé o per terzi è reato.

Gianfranco Summa ha commentato i 5 elementi della deontologia, dignità, onore, reputazione, riservatezza e privacy; non è stata omessa la comunicazione dell’importanza e dell’obbligo della formazione continua e degli Enti di categoria, INPGI, CASAGIT e Associazione stampa.

Il corso è terminato con la consegna dei Tesserini ai nuovi iscritti, tra i quali un sacerdote, un medico e un sottufficiale dell’esercito di sesso femminile.

redazione corrierenazionale.net

40 articolo 14 giugno 2017 http://www.corrierenazionale.net/2017/06/14/una-giovane-militare-un-prete-e-un-medico-tra-i-nuovi-colleghi/

Al quartiere San Pio due giorni d’informazione, solidarietà e sport

AMA Cuore, Comune di Bari e società sportive giovanili per la prevenzione cardiovascolare e la sicurezza

guglielmi san pio 2

Di Riccardo Guglielmi

E’ terminata alle ore 14 con la consegna della coppa alla FC Bari, squadra vincitrice del torneo di calcio, e di un defibrillatore alla Società sportiva Football Bari, la due giorni di solidarietà e sport organizzata da AMA Cuore, la Onlus che riunisce i volontari impegnati nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. L’intera manifestazione, patrocinata dal comune di Bari, si è svolta con gran successo a San Pio, un quartiere di Bari spesso all’attenzione per problematiche sociali complesse.

L’evento è stato presentato sabato 9 giugno alle ore 18, nella sede dell’Associazione Giovanni Falcone di Catino, alla presenza del Consigliere comunale Francesco Giannuzzi, in rappresentanza del Sindaco Decaro e del presidente della V Municipio, Gianni Moretti con una conferenza “Alimentazione e sport, le armi vincenti nella prevenzione cardiovascolare”. Pubblico attento e partecipativo, compresi i giovanissimi atleti presenti che hanno apprezzato i consigli di una sana alimentazione mediterranea che valorizza le eccellenze agro alimentari della nostra regione, evitando fumo, alcolici e sedentarietà; sottolineata l’importanza della sicurezza e della cardioprotezione del defibrillatore quando si pratica esercizio fisico a qualsiasi livello, agonistico, amatoriale e ludico ricreativo e dei valori positivi che lo sport trasmette ai giovani.

Domenica 10 alle ore 9 quattro squadre amatoriali di giovanissimi sportivi si sono cimentate nello stadio San Pio, efficiente ed elegante struttura sportiva, nel torneo di calcio a 11. Le autorità presenti hanno consegnato medaglie e coppe ricordo ai calciatori e alle 4 squadre partecipanti; Francesco Pastanella, presidente di AMA Cuore, ha consegnato il defibrillatore semiautomatico a Fausto Romito, presidente della Società Football Bari.

redazionecorrierenazionale.net

39 articolo 20 giugno 2017 http://www.corrierenazionale.net/2017/06/11/al-quartiere-san-pio-due-giorni-dinformazione-solidarieta-e-sport/Guglielmi San Pio 1

A Bari la nuova frontiera della medicina Esperti a confronto per una Sanità 4.0

Esperti a confronto per una Sanità 4.0

Ottavio Di Cillo, Vitangelo Dattoli, Angelo Vacca, Loreto Gesualdo
Ottavio Di Cillo, Vitangelo Dattoli, Angelo Vacca, Loreto Gesualdo

Medici, ricercatori, accademici, operatori sanitari, informatici, venditori di servizi pubblici e privati, dalle ore 9.30 di questa mattina hanno dato inizio, nella splendida location di Villa Romanazzi Carducci a Bari, al congresso Telemedicina e Sanità digitale. I lavori, articolati in 6 sessioni, con oltre 70 docenti, proseguiranno per altri due giorni e termineranno alle ore 13.00 di sabato 20.

L’incontro, promosso dalla Rete di Sanità digitale eSanit@ con il coordinamento scientifico del Dott. Ottavio Di Cillo, Responsabile del Centro Regionale di Telemedicina della Regione Puglia, vuole affrontare il tema della Telemedicina e dei modelli organizzativi; l’occasione per approfondire problematiche riguardanti la farmaco-pertinenza, l’appropriatezza dell’intervento in situazioni di emergenza e la continuità assistenziale. Non sarà tralasciata standardizzazione, certificazione, privacy e sicurezza dei device utilizzati per abilitare le Reti di patologia sostenute dalla Telemedicina.

La Sanità 4.0 è la nuova frontiera della medicina. Le Aziende Sanitarie, nell’interesse esclusivo del cittadino utente e considerate le esperienze positive nel territorio nazionale, non dovranno sottrarsi a inserire il nuovo che avanza nelle Aziende Sanitarie.

«La Telemedicina – afferma Vitangelo Dattoli, Direttore generale dell’Azienda Policlinico di Bari – è la leva strategica per riorganizzare in termini di efficienza ed efficacia cure e servizi anche nell’ emergenza/urgenza. Nella nostra azienda la Centrale operativa di Telemedicina coordina da mesi attività e percorsi assistenziali a valenza regionale, per Telemedicina, Telecardiologia e Teledialisi. Una maggiore diffusione della Sanità digitale permetterà razionalizzazione di risorse e ampiamento di servizi».

«Senza sanità digitale e telemedicina – puntualizza Loreto Gesualdo, Preside della Scuola di Medicina di UNIBA – le reti delle patologie non potranno mai essere efficienti e non si potrà mai raggiungere una reale ed efficace integrazione ospedale territorio».

«L’Università – sono le parole di Angelo Vacca, Prorettore di UNIBA – è fonte della ricerca scientifica e garante della qualità dei docenti. Bisogna fare reti tra ricercatori per condividere tematiche, competenze e conoscenze. La Telemedicina sarà il perno dei progetti futuri della ricerca».

«In questi tre giorni di congresso – commenta Ottavio Di Cillo, coordinatore scientifico dell’evento e responsabile del Centro regionale di telecardiologia della Regione Puglia – vogliamo dimostrare che la Telemedicina è il terreno dell’innovazione digitale dove potranno germogliare i percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali che potranno soddisfare le giuste esigenze di salute delle persone».

Gli organizzatori dell’evento hanno posto anche molta attenzione nel dare visibilità alle nuove proposte farmaceutiche e ai device in grado di sostenere l’intervento clinico e assistenziale secondo logiche di affidabilità, sicurezza e appropriatezza. Tra le proposte espositive merita segnalazione il sistema di  trasmissione dell’elettrocardiogramma TouchECG HD Tablet dell’Aliser, analizzatori portatili di parametri ematochimici e la piattaforma informatica Plusimple che, mettendo in rete strutture cliniche e ambulatoriali, servizi, pazienti e familiari, associazioni scientifiche e del volontariato, consentirà facilmente condivisione di dati e conoscenze come su un comune social.

TouchECG

 Segreteria organizzativa “C.Lab meeting” info@clabmeetin.it 0805061372

redazione@corrierenazionale.net

38 articolo http://www.corrierenazionale.net/2017/05/18/a-bari-la-nuova-frontiera-della-medicina/