Archivi categoria: Dai Giornali

Una giovane militare, un prete e un medico tra i nuovi colleghi

Deontologia base della professione di giornalista di pubblicista. Cerimonia di consegna della tessera

Consegna tessara Guglielmi

Di Riccardo Guglielmi

Si è svolto questa mattina a Bari, dalle ore 9.30 alle 13.30, nella sede dell’Ordine dei giornalisti dl Puglia il corso di aggiornamento di deontologia professionale, riservato ai giornalisti pubblicisti recentemente iscritti all’Ordine.

Il saluto e il benvenuto ai nuovi colleghi è stato portato dal Presidente dell’ordine, Valentino Losito che, nel suo discorso, ha detto “l’uomo è ciò che legge e attraverso il linguaggio passano le culture. Il web ha creato il comunismo dell’informazione e la deontologia deve ispirare i comportamenti di chi svolge la professione secondo prerogative di responsabilità e verità”.

La deontologia – ha spiegato Gianfranco Summa, Consigliere dell’ordine – è l’insieme delle norme professionali che seguono i confini dei doveri e diritti”.  Punto di riferimento legislativo nella professione di giornalista è la legge 69 del 1963 che negli articoli 1 e 2 afferma l’informazione, è un diritto inalienabile come quello della salute e dell’istruzione. Giornalisti ed editori sono tenuti all’osservanza delle norme di legge dettate a tutela dell’altrui libertà, al rispetto della sostanziale verità dei fatti e alla leale collaborazione tra colleghi. La fiducia dei lettori si acquisisce se queste prerogative sono rispettate.

Il Testo unico della deontologia dei giornalisti è composto di 5 parti: codice deontologico e carte di Treviso, Firenze e Roma che sono rispettivamente rivolte alla tutela dei soggetti più deboli (minori e vittime) al giusto pagamento da parte degli editori e al rispetto delle etnie e delle diversità religiose. La carta dell’informazione economica precisa che la manipolazione e lo sfruttamento di notizie di carattere economiche per sé o per terzi è reato.

Gianfranco Summa ha commentato i 5 elementi della deontologia, dignità, onore, reputazione, riservatezza e privacy; non è stata omessa la comunicazione dell’importanza e dell’obbligo della formazione continua e degli Enti di categoria, INPGI, CASAGIT e Associazione stampa.

Il corso è terminato con la consegna dei Tesserini ai nuovi iscritti, tra i quali un sacerdote, un medico e un sottufficiale dell’esercito di sesso femminile.

redazione corrierenazionale.net

40 articolo 14 giugno 2017 http://www.corrierenazionale.net/2017/06/14/una-giovane-militare-un-prete-e-un-medico-tra-i-nuovi-colleghi/

Al quartiere San Pio due giorni d’informazione, solidarietà e sport

AMA Cuore, Comune di Bari e società sportive giovanili per la prevenzione cardiovascolare e la sicurezza

guglielmi san pio 2

Di Riccardo Guglielmi

E’ terminata alle ore 14 con la consegna della coppa alla FC Bari, squadra vincitrice del torneo di calcio, e di un defibrillatore alla Società sportiva Football Bari, la due giorni di solidarietà e sport organizzata da AMA Cuore, la Onlus che riunisce i volontari impegnati nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. L’intera manifestazione, patrocinata dal comune di Bari, si è svolta con gran successo a San Pio, un quartiere di Bari spesso all’attenzione per problematiche sociali complesse.

L’evento è stato presentato sabato 9 giugno alle ore 18, nella sede dell’Associazione Giovanni Falcone di Catino, alla presenza del Consigliere comunale Francesco Giannuzzi, in rappresentanza del Sindaco Decaro e del presidente della V Municipio, Gianni Moretti con una conferenza “Alimentazione e sport, le armi vincenti nella prevenzione cardiovascolare”. Pubblico attento e partecipativo, compresi i giovanissimi atleti presenti che hanno apprezzato i consigli di una sana alimentazione mediterranea che valorizza le eccellenze agro alimentari della nostra regione, evitando fumo, alcolici e sedentarietà; sottolineata l’importanza della sicurezza e della cardioprotezione del defibrillatore quando si pratica esercizio fisico a qualsiasi livello, agonistico, amatoriale e ludico ricreativo e dei valori positivi che lo sport trasmette ai giovani.

Domenica 10 alle ore 9 quattro squadre amatoriali di giovanissimi sportivi si sono cimentate nello stadio San Pio, efficiente ed elegante struttura sportiva, nel torneo di calcio a 11. Le autorità presenti hanno consegnato medaglie e coppe ricordo ai calciatori e alle 4 squadre partecipanti; Francesco Pastanella, presidente di AMA Cuore, ha consegnato il defibrillatore semiautomatico a Fausto Romito, presidente della Società Football Bari.

redazionecorrierenazionale.net

39 articolo 20 giugno 2017 http://www.corrierenazionale.net/2017/06/11/al-quartiere-san-pio-due-giorni-dinformazione-solidarieta-e-sport/Guglielmi San Pio 1

A Bari la nuova frontiera della medicina Esperti a confronto per una Sanità 4.0

Esperti a confronto per una Sanità 4.0

Ottavio Di Cillo, Vitangelo Dattoli, Angelo Vacca, Loreto Gesualdo
Ottavio Di Cillo, Vitangelo Dattoli, Angelo Vacca, Loreto Gesualdo

Medici, ricercatori, accademici, operatori sanitari, informatici, venditori di servizi pubblici e privati, dalle ore 9.30 di questa mattina hanno dato inizio, nella splendida location di Villa Romanazzi Carducci a Bari, al congresso Telemedicina e Sanità digitale. I lavori, articolati in 6 sessioni, con oltre 70 docenti, proseguiranno per altri due giorni e termineranno alle ore 13.00 di sabato 20.

L’incontro, promosso dalla Rete di Sanità digitale eSanit@ con il coordinamento scientifico del Dott. Ottavio Di Cillo, Responsabile del Centro Regionale di Telemedicina della Regione Puglia, vuole affrontare il tema della Telemedicina e dei modelli organizzativi; l’occasione per approfondire problematiche riguardanti la farmaco-pertinenza, l’appropriatezza dell’intervento in situazioni di emergenza e la continuità assistenziale. Non sarà tralasciata standardizzazione, certificazione, privacy e sicurezza dei device utilizzati per abilitare le Reti di patologia sostenute dalla Telemedicina.

La Sanità 4.0 è la nuova frontiera della medicina. Le Aziende Sanitarie, nell’interesse esclusivo del cittadino utente e considerate le esperienze positive nel territorio nazionale, non dovranno sottrarsi a inserire il nuovo che avanza nelle Aziende Sanitarie.

«La Telemedicina – afferma Vitangelo Dattoli, Direttore generale dell’Azienda Policlinico di Bari – è la leva strategica per riorganizzare in termini di efficienza ed efficacia cure e servizi anche nell’ emergenza/urgenza. Nella nostra azienda la Centrale operativa di Telemedicina coordina da mesi attività e percorsi assistenziali a valenza regionale, per Telemedicina, Telecardiologia e Teledialisi. Una maggiore diffusione della Sanità digitale permetterà razionalizzazione di risorse e ampiamento di servizi».

«Senza sanità digitale e telemedicina – puntualizza Loreto Gesualdo, Preside della Scuola di Medicina di UNIBA – le reti delle patologie non potranno mai essere efficienti e non si potrà mai raggiungere una reale ed efficace integrazione ospedale territorio».

«L’Università – sono le parole di Angelo Vacca, Prorettore di UNIBA – è fonte della ricerca scientifica e garante della qualità dei docenti. Bisogna fare reti tra ricercatori per condividere tematiche, competenze e conoscenze. La Telemedicina sarà il perno dei progetti futuri della ricerca».

«In questi tre giorni di congresso – commenta Ottavio Di Cillo, coordinatore scientifico dell’evento e responsabile del Centro regionale di telecardiologia della Regione Puglia – vogliamo dimostrare che la Telemedicina è il terreno dell’innovazione digitale dove potranno germogliare i percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali che potranno soddisfare le giuste esigenze di salute delle persone».

Gli organizzatori dell’evento hanno posto anche molta attenzione nel dare visibilità alle nuove proposte farmaceutiche e ai device in grado di sostenere l’intervento clinico e assistenziale secondo logiche di affidabilità, sicurezza e appropriatezza. Tra le proposte espositive merita segnalazione il sistema di  trasmissione dell’elettrocardiogramma TouchECG HD Tablet dell’Aliser, analizzatori portatili di parametri ematochimici e la piattaforma informatica Plusimple che, mettendo in rete strutture cliniche e ambulatoriali, servizi, pazienti e familiari, associazioni scientifiche e del volontariato, consentirà facilmente condivisione di dati e conoscenze come su un comune social.

TouchECG

 Segreteria organizzativa “C.Lab meeting” info@clabmeetin.it 0805061372

redazione@corrierenazionale.net

38 articolo http://www.corrierenazionale.net/2017/05/18/a-bari-la-nuova-frontiera-della-medicina/

E la malattia diventa risorsa. Basta volerlo

Sport, salute, solidarietà e sorriso al Run for Parkinson’s

IMG_5119

Bari– La splendida domenica di sole, il clima di festa e di allegria, hanno favorito i numerosi partecipanti, atleti e non, che si sono dati appuntamento alle ore 9 al Parco 2 Giugno e hanno aderito, anche quest’anno, alla maratona della solidarietà a sostegno delle persone affette da Parkinson e delle loro famiglie. Scopo dell’evento è sensibilizzare i cittadini baresi implementando la cultura dell’esercizio fisico come prevenzione e cura di patologie anche gravi.

Run for Parkinson’s si è svolta lungo 2 diversi percorsi per consentire a ognuno di scegliere quello idoneo alle proprie possibilità: uno per i runner lungo 9,6 Km. (12 giri del percorso) e l’altro di lunghezza inferiore, che potrà essere percorso anche camminando, quindi idoneo anche alle famiglie e agli amici a 4 zampe; allestito uno sportello informativo dove i volontari dell’Associazione Parkinson Puglia, sempre presenti e sorridenti, hanno fornito informazioni sulla malattia e sulle molteplici attività associative.

I volontari dell’Associazione Clownterapia hanno ravvivato l’intera manifestazione. Alla partenza era presente Pietro Petruzzelli, assessore Ambiente e Sport del Comune di Bari.Tutta la cittadinanza è stata invitata a partecipare per trascorrere una piacevole mattinata all’aperto, all’insegna del sorriso e dello sport.

«Il sorriso – spiega Antonella Spigonardo, Vice Presidente di Parkinson Puglia e cuore pulsante della manifestazione- rappresenta l’arma vincente per cacciare quella melanconia che si affaccia in chi sa di avere una malattia importante. Grazie al sorriso la malattia può diventare risorsa, basta volerlo e i volontari dell’associazione, con il loro aiuto e col sostegno psicologico insegnano a raggiungere l’obiettivo»

«Quando un intruso entra nel corpo, il morbo di Parkinson è un ospite indesiderato che attenta alla tua vita – ha affermato  Giuseppe Santoro, il medico scrittore autore del libro autobiografico L’OSPITE- devi imparare a convivere. Vivere l’associazione permette di essere sempre aggiornati sulle terapie. I tanti volontari, cui non manca mai un sorriso accattivante,  con il mutuo aiuto favoriscono pratiche sportive adeguate e sostegno psicologico».  Alla manifestazione hanno aderito medici ricercatori, Vito Lepore e Paolo Flace, Associazioni sportive e di volontariato, AMA Cuore Bari.

«Questo evento – ha rilevato Paolo Amico, responsabile della Medicina dello sport del Policlinico di Bari, atleta che ha terminato la 10 Km- dimostra il ruolo positivo dell’attività fisica nel trattamento di una grave malattia degenerativa del sistema nervoso»

Anche nel Morbo di Parkinson l’allenamento motorio e sportivo è in grado di stimolare e indurre miglioramenti comportamentali e clinici; una vita sedentaria favorisce la progressione della disabilità clinica e della malattia. E’ da consigliare la corsa leggera, la camminata e la danza che, grazie alla ritmicità, facilitano l’esecuzione dei movimenti. Il tennis migliora il trofismo muscolare ed è un’ottima “ginnastica” cardio-polmonare. Particolarmente indicate le discipline orientali come Tai Chi e tecniche di rilassamento, stretching e yoga, che favoriscono l’allungamento muscolare, la mobilità articolare e l’equilibrio. Nei casi più gravi, quando l’attività fisica è impedita, la fisioterapia diventa una ginnastica passiva. Nel Parkinson la tecnologia biomedica ha sviluppato nuove proposte efficaci per il miglioramento della deambulazione, come l’allenamento sul tapis roulant, l’utilizzo di stimoli visivi e acustici e il ricorso alla realtà virtuale.

Raffaele GelaoFrancesco Clarizio, sono stati premiati per la fascia d’età, senior e iunior, le Associazioni, La Porta e Atleticamente per il numero d’iscritti. Tutti portano a casa una medaglia ricordo. Hanno vinto l’entusiasmo, la partecipazione e soprattutto il sorriso contagioso, sempre presente in tutti anche quando qualche nuvola oscurava il sole.

Nel morbo di Parkinson servono terapia, esercizio fisico, solidarietà e sorriso, vero aiuto psicologico, che come diceva l’indimenticabile  Audray Hepburn è “l’accessorio più bello che una donna possa indossare”.

Clicca per Galleria fotografica

Bari 7 maggio 2017

35 articolo http://www.corrierenazionale.net/2017/05/07/sport-salute-solidarieta-e-sorriso-al-run-for-parkinsons/

Basterà una pillola, niente pancia e più muscoli

olio sasso

Di Riccardo Guglielmi

 Un team di ricercatori dell’Augusta University, Georgia USA, ha perfezionato gli studi sulla miostatina, una proteina prodotta dal nostro organismo e scoperta nel 1997, capace di bloccare la crescita della massa muscolare. Riducendo la produzione di questa proteina si potranno avere masse muscolari più sviluppate, maggiore protezione per cuore e rene, prevenzione dei danni legati all’obesità. Per dimostrare questa teoria i ricercatori hanno allevato quattro gruppi di topi: magri e obesi con produzione di miostatina bloccata e non. I topi incapaci di produrla hanno sviluppato più massa muscolare, mentre quelli obesi sono rimasti tali con massa muscolare immutata. Il lavoro, dei ricercatori dell’Augusta University, sarà presentato da Joshua Butcher al congresso di Biologia sperimentale di Chicago.

Molti animali, per esempio il toro, non hanno bisogno di passare intere giornate in palestra o di seguire diete particolari. Il loro straordinario sviluppo muscolare è dovuto semplicemente a una mutazione del gene che codifica per la miostatina.

«E la pancia non c’è più» era lo slogan di una pubblicità di molti anni fa sulle virtù di un olio d’oliva italiano, nel futuro non saranno più necessarie ore e ore di palestra; basterà una pillolina a base d’inibitore di miostatina e miracolosamente una fantastica tartaruga renderà attraente il nostro addome.

Art 33    http://www.corrierenazionale.net/2017/05/05/bastera-una-pillola-niente-pancia-e-piu-muscoli/