Archivi categoria: Dai Giornali

Nobel per la medicina a Yoshinori Ohsumi

Il riciclo dei rifiuti cellulari curerà cancro, Alzheimer, Parkinson e diabete  

Di Riccardo Guglielmi

Pubblicato su: http://www.corrierenazionale.net/index.php/41-noi-e-la-salute/70-il-riciclo-dei-rifiuti-cellulari-come-cura

Assegnato a Yoshinori Ohsumi il premio Nobel per la medicina 2016. Il biologo giapponese, classe 1945, è stato premiato per le sue scoperte sui meccanismi dell’autofagia, dal greco mangiare se stesso, un processo fondamentale, conosciuto da  oltre cinquant’anni, che permette alle cellule di riciclarsi, rinnovarsi e trasformare gli scarti in energia.

Nuove possibilità si aprono per curare cancro, Parkinson, Alzheimer e diabete tipo2, malattie nelle quali è alterato il meccanismo dell’autofagia. Una forma di cannibalismo messo in atto su cellule alterate che permette al corpo umano di difendersi.

Oshumi, grazie ai suoi originali esperimenti con i lieviti e poi sull’uomo, ha individuato i geni all’origine dell’autofagia  e compreso i dettagli del suo funzionamento.

«Grazie a lui e ad altri che hanno seguito i suoi passi, – ha dichiarato l’Assemblea dei Nobel, sappiamo ora che l’autofagia controlla importanti funzioni fisiologiche là dove gli elementi delle cellule devono essere degradati e riciclati».

Il corpo umano si sa curare con il riciclo: l’organismo mangia le cellule colpite da virus e batteri, bruciano gli scarti e produce energia per ricostruire i mattoni che serviranno  a rinnovare  i componenti cellulari. Grazie all’autofagia le cellule si differenziano per contribuire al sano sviluppo embrionale e alla differenziazione cellulare. Le cellule usano l’autofagia anche per contrastare l’invecchiamento.

Già s’intravede lo sviluppo futuro di questa scoperta: individuare farmaci in grado intervenire su questo sofisticato processo di smaltimento e riciclo dei rifiuti.

Al vincitore, scelto tra 273 candidati, va un premio in denaro di 830 mila euro.

Riccardo Guglielmi

Il Corriere Nazionale ha una nuova veste

Il mio primo articolo sulla nuova piastra online de:

corrierenazionale.net
www.corrierenazionale.net

In Italia aumenta il cancro tra le donne. Si muore di più nel Sud 

Aumentano in Italia i casi di tumori. Ogni giorno sono mille le persone cui i medici dicono di essere affetti da neoplasie maligne. Più colpite sono le donne, in diminuzione negli uomini, la mortalità cala al Nord……

Per saperne di più: http://www.corrierenazionale.net/index.php/28-salute/14-in-italia-aumenta-il-cancro-tra-le-donne-si-muore-di-piu-nel-sud

Sogno Creatività Formazione Impresa

Articolo di presentazione: Come la realtà diventa sogno

BARI – Inizia con Sogno – Creatività – Formazione – Impresa, sabato 1 ottobre, ore 9.30, presso Galleria Arte Gagliano in via Della Repubblica 76, la nuova serie di eventi di organizzati da Il Corriere Nazionale. Obiettivo dell’incontro di public engagement è dimostrare come l’irrealtà del sogno possa trasformarsi in realtà artistica, didattica, scientifica e imprenditoriale.

Dopo i saluti di Antonio Peragine, direttore de Il Corriere Nazionale, Piero De Giacomo, Ordinario di psichiatria aprirà i lavori illustrando le potenzialità creative della mente umana. Seguirà Enrico Pierangeli, già Primario di Neurochirurgia, che con rigore scientifico spiegherà le basi neurofisiologiche del processo creativo.  Allo scrittore Enzo Varricchio, vice direttore del Corriere Nazionale, è affidato il compito di mostrare la reciprocità tra arte e impresa.  Ultimo relatore Davide Neve, un creativo giovane imprenditore barese che sta insegnando agli studenti della scuola superiore e dell’università come rendere operative le idee trasformandole in imprese utili alla società ed economicamente interessanti. A Neve il merito di aver aiutato a progettare efficaci start up che, con la creazione di posti di lavoro rappresentano veri modelli di alternanza scuola lavoro. Conclusioni a cura di Sabrina Spallini, docente di Economia aziendale dell’Università di Bari.

Segreteria organizzativa Federica Dimantova. Grafica e design Madia Mastrolonardo. Foto Noemi Lollino.

Evento aperto alla cittadinanza. Ingresso libero

Riccardo Guglielmi Moderatore dell’evento

Pubblicato su: Il Corriere Nazionale testata giornalistica online

http://43. http://www.corrierepl.it/2016/09/22/come-il-sogno-diventa-realta/

BARI 1-ottobre 2016

Ringrazio tutti gli amici e i colleghi che questa mattina hanno partecipato all’evento Sogno Creatività Formazione Impresa organizzato da Il Corriere Nazionale e che ho avuto l’onore di moderare . Complimenti ai relatori, Piero De Giacomo, Enrico Pierangeli, Enzo Varricchio, Sabrina Spallini e Cosimo Neve.
Molte le Associazioni che hanno inviato delegati: Concetta Fazio Bonina per Porta d’Oriente, Matteo Cutrignelli per AMA Cuore, Antonella Zampieri per Arche’
Qualità degli interventi, interattività con il pubblico, grande interesse per gli argomenti sono stati gli elementi che hanno permesso il successo della manifestazione.
Perfetta l’organizzazione merito dì Federica Dimantova. Splendida la location nella Galleria d’arte Gagliano di Bari.

Pubblicazione su Il Corriere Nazionale

http://www.corrierenazionale.net/index.php/emigrazione/41-noi-e-la-salute/55-il-sogno-e-diventato-realta?tmpl=component&print=1&layout=default&page=

Cronaca dell’evento: Il sogno è diventato realtà

«Se c’è cultura, il seme della creatività darà il frutto dell’innovazione. Artisti e imprenditori sognano per molti »

Di Riccardo Guglielmi

BARI – Si è svolto sabato 1 ottobre, presso Galiano Arte di Bari, l’incontro di Public engagement, organizzato da Il Corriere Nazionale dal titolo Sogno – Creatività – Formazione – Impresa. La competenza dei relatori, lo spessore delle relazioni, l’entusiasmo degli organizzatori, l’interattività con il pubblico e i feed back positivi hanno permesso di raggiungere l’obiettivo preposto: dimostrare come l’irrealtà del sogno possa trasformarsi in realtà artistica, didattica, scientifica e imprenditoriale. Tanti sono stati i take home message; tra questi è che dobbiamo imparare a sognare per tutti.

Fischio d’inizio a Enzo Varricchio, scrittore e vice direttore de Il Corriere Nazionale che saluta e ringrazia i numerosi e qualificati ospiti presenti annunciando a breve l’uscita di edizioni periodiche cartacee del giornale, fermo restando la regolare pubblicazione online. Il simbolismo del nuovo logo, elaborato dallo studio De Liso, le rubriche, l’inserimento nella redazione di giovani animati dalla voglia di crescere come giornalisti e gli aggiornamenti informatici sono l’espressione di processi di comunicazione rivolti a una comunità che ha sete di cultura e chiede un’informazione libera, rigorosa e puntuale.

Piero De Giacomo, Ordinario di psichiatria, accademico emerito, già membro del Consiglio superiore della sanità, apre i lavori con la relazione Sogno e creatività illustrando le potenzialità creative della mente umana. Una lezione magistrale che insegna a lavorare sui sogni; sogno come il perseguire una meta pensando positivo e dall’astrazione di un pensiero qualsiasi costruire una metafora che riguardi la vita, l’amore, il lavoro.

L’assist del pensiero positivo è ripreso da Enrico Pierangeli, neurochirurgo e oncologo che presentando le basi neurofisiologiche lancia il messaggio che bisogna essere ricettivi rispetto a quello che ci circonda cercando di captare le energie e le vibrazioni positive. Si parte dal DNA, attraverso il neurone si arriva ai mediatori chimici delle sinapsi per creare piacere e depressione. La colonna vertebrale diventa la «discarica dei pensieri negativi» ed ecco spiegate tante algie cervicali e lombari con risonanze magnetiche perfette. L’alimentazione deve fornire più serotonina e vitamina D. Qualsiasi nostra esperienza, conoscitiva, sociale, amorosa, religiosa, politica e artistica passa attraverso un’attivazione di specifiche aree cerebrali come rilevabile dalle tecniche di imaging. L’arte può essere considerata come un’estensione della funzione del cervello. Dalla neurofisiologia Pierangeli passa alla neuroestetica. Sono i neuroni delle muse a stimolare l’artista.

Le importanti opere artistiche della splendida location messa a disposizione da Gagliano Arte e la continuità delle relazioni permette a Enzo Varricchio, di mostrare la reciprocità tra arte e impresa. L’arte diventa impresa e l’impresa si fa arte. La vera arte non riproduce il visibile, ma rende le costruzioni mentali dell’artista o dell’imprenditore visibili. Ampi sono i passaggi dalla Scuola di Atene di Raffaello alla Pop art di Andy Warhol. E’ la prospettiva che dando vitalità al dipinto o all’oggetto trasforma l’immagine in pensiero e opera. La parola scritta diventa immagine. I marchi dei prodotti commerciali fanno riferimento a metafore che producono felicità e benessere, Fanta per fantasia, Brillo per igiene e pulizia. L’illuminato è colui che sogna per molti.

Un pubblico maturo, attento e partecipativo segue con grande interesse l’ultima relazione: Dal sogno alla start-up: alternanza scuola lavoro di Cosimo Davide Neve, fondatore di auLAB.it e suo amministratore delegato. Neve è un creativo giovane imprenditore barese che sta insegnando agli studenti della scuola superiore e dell’università come rendere operative le idee trasformandole in imprese utili alla società ed economicamente interessanti. Un tiro da fuori area e fa subito goal la sua prima affermazione: «Non manca il lavoro. Mancano le persone che fanno il lavoro». Al suo gruppo il merito di aiutare a progettare efficaci start up che, con la creazione di occupazione rappresentano veri modelli di alternanza scuola lavoro. Centinaia di sviluppatori di software, un traduttore per il linguaggio dei segni, adattatori per stampanti 3D, progetti per seminare mais nella terra dei fuochi per produrre biomasse che daranno energia meno inquinante, sono alcuni dei prodotti nati dalla creatività dei ricercatori di auLAB.it. Nuovi lavori sostituiscono i vecchi. La robotica, esempio Amazon, rende il lavoro degli addetti alla distribuzione meno alienante e più comodo. Alibaba, Bla Bla Car, Groupon, Uber, Bla Bla Car, Zalando stanno rivoluzionando commercio e mobilità. Bisogna essere consapevoli, pronti al cambiamento, non farsi trovare impreparati ed essere sempre creativi. Informazioni saranno trasmesse da assistenti virtuali.Tendenze e nuove esigenze devono produrre imprese e occupazione. La fotografia digitale ha distrutto imprese che hanno sottovalutato il cambiamento e non hanno creduto in innovazione o trasformazione. E’ già in atto una rivoluzione nel sistema della movimentazione del danaro. Bit Coin è mondiale. In Sardegna spopola Sardex, la moneta complementare, parallela all’Euro. Già 2500 imprenditori pagano stipendi, acquistano o scambiano beni e servizi col Sardex.

Fischio finale da Sabrina Spallini, docente di Economia aziendale dell’Università di Bari: “Quando parliamo di impresa non si può prescindere dal considerare che attraverso l’attività economica l’uomo si procura beni e servizi atti al soddisfacimento del suo bisogno”. Il bisogno diventa il centro dell’attività economica. Cambiano le esigenze e l’impresa deve essere attenta e pronta a capire i mutamenti. Quest’obiettivo si raggiunge con più cultura. Cultura non è altro che il terreno su cui il seme della creatività crea il frutto dell’innovazione. Artisti e imprenditori non sognano solo per se stessi ma per molti.

Un grazie ai delegati delle Associazioni intervenute: Cettina Fazio Bonina per Porta d’Oriente, Matteo Cutrinielli per AMA Cuore Bari, Antonella Zampieri per Archè.

Federica Dimantova ha curato con eleganza e professionalità l’organizzazione. Madia Mastronardo il design e la grafica

Foto di Noemi Lollino

Riccardo Guglielmi – Moderatore dell’evento

r.guglielmi@corrierenazionale.net

TAG: sogno, creatività, formazione, impresa, neuroni delle muse, auLAB.it

 

 

Stop ai falsi infarti

Di Riccardo Guglielmi

BARI – Niente più ricoveri per falsi positivi d’infarto acuto del miocardio. Il sistema pubblico della telecardiologia, installato e gestito nel Policlinico ha permesso un risparmio alla Regione Puglia di circa 30 milioni, per meno ricoveri e per maggiore appropriatezza diagnostica. L’analisi dei dati evidenzia 3.404 diagnosi incerte con il vecchio sistema analogico, maggiore sicurezza diagnostica e interventi più rapidi del 118 con la nuova telecardiologia. Un modello organizzativo e gestionale che grazie alla consistente riduzione della spesa sanitaria contribuisce a rendere virtuosa la Regione Puglia.

“Diagnosi certe e niente ricoveri inutili – spiega Ottavio Di Cillo, direttore della Cardiologia d’Urgenza e coordinatore della nuova telecardiologia – grazie alla perfetta integrazione territorio, strutture del soccorso e la rete delle Cardiologie. Ogni persona in caso di dolore al petto, chiamando il 118, attiva la rete che permetterà di garantire appropriatezza diagnostica con l’esecuzione e la trasmissione digitale a distanza dell’ECG alla sede operativa della nostra telecardiologia”.

Alla direzione generale dell’Azienda Policlinico sono bastati pochi mesi, malgrado veti incrociati e controversie mediatiche e legali con il gestore del sistema analogico, per rendere operativa la nuova telecardiologia e aggiunge un altro tassello di eccellenza all’azienda. Bisogna dare atto alla vecchia tecnologia di aver offerto per anni un servizio utile alla comunità ma il nuovo avanza e merita il giusto riconoscimento specie se fa risparmiare e garantisce maggiore qualità. Un sistema digitale, approvato da tutti i direttori delle sedi periferiche del 118 che, grazie alla professionalità degli operatori coinvolti nel progetto, dimostra sul campo di offrire un servizio più sicuro e vincente. Dati alla mano è stata sfatata l’opinione, spesso sapientemente diffusa, che solo il privato sa essere efficiente con spese ridotte. 113.500 elettrocardiogrammi, la maggior parte dei quali positivi per cardiopatia ischemica e aritmie, hanno permesso agli angeli in servizio H/24 nella centrale operativa di indirizzare donne e uomini affetti da patologie acute cardiache nei centri cardiologici più vicini e attrezzati per procedure interventistiche. Ripristinare nelle prime due ore il flusso di sangue in una coronaria ostruita con l’angioplastica primaria, significa ridare vita al muscolo cardiaco. Meno complicanze, minore spesa assistenziale e previdenziale, più rapido reinserimento sociale e lavorativo, sono i meriti da attribuire alla nuova telecardiologia pubblica. Questa è la sanità che piace ai cittadini.

Bari 19 settembre 2016

Pubblicato su Il Corriere Nazionale il 19 settembre 2016

Foto telecardiologia 2

5 consigli a Emiliano per la sanità pugliese

BARI – Tutti i cittadini pugliesi vogliono una sanità pubblica efficiente ed efficace ma visto l’attuale scenario non esistono figure professionali o politiche che possono vantarsi di aver scoperto ricette o formule miracolose. La sanità pugliese è reduce da anni di gravosi piani di rientro. Sono stati chiusi e ridimensionati ospedali pubblici che offrivano assistenza a grandi bacini territoriali.

Turnover bloccato, lungaggini burocratiche, flessibilità inesistente, veti incrociati alle giuste attese di carriera a medici pubblici volenterosi e capaci, organici inadeguati soggetti a carichi di lavoro intensi, mortificano da anni le professionalità, ritenute anche alte dall’utenza, di tutti gli operatori sanitari.

La Puglia non ha ancora un assessore alla sanità e l’unico interlocutore è il Presidente della Regione, Michele Emiliano, al quale indirizzare in modo pacato qualche considerazione pratica e di buon senso derivante dall’esperienza diretta di chi ha alle spalle 40 anni di attività ospedaliera. “Una vita da mediano” che si è conclusa con la direzione della Cardiologia ospedaliera dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico di Bari. Un percorso professionale caratterizzato dal voler fornire alle persone che chiedono aiuto cure efficaci sapendo coniugare tecnologie avanzate e umanizzazione.La stima dei superiori e il riscontro positivo delle persone assistite, conferiscono, come i gradi militari ottenuti sul campo, credibilità e competenza.

Il primo consiglio è imparare un nuovo metodo di lavoro: creare una squadra che lavori per obiettivi all’interno di un tavolo condiviso tra utenti, operatori sanitari, venditori di servizi e finanziatori (politica).  E’ necessaria umiltà da parte di tutti e voglia di apprendere sempre cose nuove, senza le prevaricazioni derivanti da ruoli e cariche istituzionali. Il percorso decisionale va studiato insieme e confrontato con tutti i portatori di servizi. Spesso sono gli stessi utenti ammalati che prospettano soluzioni pratiche e di buon senso.  E’ importante la scelta degli operatori sanitari: basta con le logiche dei partiti e sindacati. Bisogna saper scegliere medici e non che abbiano vera esperienza clinica e che abbiano a cuore la cosa pubblica.

Gli ospedali potranno essere ridotti e ridimensionati, in un clima di razionalizzazione delle spese, ma solo dopo un’attenta analisi del quadro epidemiologico, cioè lo studio della prevalenza e dell’incidenza delle patologie sul territorio. La chiusura di un presidio sanitario presuppone il potenziamento dei sistemi di soccorso, lo studio della viabilità, la bonifica del territorio e la messa in campo di misure di prevenzione, lotta alla sedentarietà, all’obesità infantile, al fumo. Nel Salento e nel Gargano l’elisoccorso non può essere considerato un’eccezione dal grande risalto mediatico. La prevenzione primaria dovrà coinvolgere famiglia, scuola e comunità militari, un modello positivo per le nuove generazioni. Prevenire un infarto o un tumore significa risparmio, aumento della qualità e quantità di vita. Prevenire il rischio cardioembolico nei portatori di fibrillazione atriale, l’aritmia più frequente negli anziani, con le opportune terapie anticoagulanti, evita gli esiti devastanti di un ictus.

Il secondo consiglio è valutare in modo scientifico l’efficienza e l’efficacia di un complesso sistema sanitario. L’econometria, la scienza che valuta i risultati, propone una serie d’indicatori che potranno essere monitorizzati per offrire cure e assistenza di qualità. Nei tavoli dedicati non deve mancare la figura professionale dello statistico.

Il terzo consiglio è creare le reti regionali per patologie complesse. Come esiste la rete per l’infarto perché non creare le reti per le patologie oncologiche, metaboliche e ortopediche.  Quando un cittadino ha un violento dolore al petto, chiama il 118. Se l’operatore del soccorso, grazie alla tele cardiologia, fa diagnosi d’infarto, il paziente è subito inviato al centro cardiologico che ha l’equipe emodinamica pronta per eseguire in tempi brevi l’angioplastica. Applichiamo questo modello alle altre patologie importanti. Cadere nella rete significa garantire cure e diagnostica efficaci, riduzione dei tempi di attesa, annullare disagio alle persone.

Il quarto consiglio riguarda le misure per affrontare la cronicità. Stiamo già vivendo l’epidemia delle malattie croniche e degenerative per l’allungamento della vita media. La riduzione delle capacità motorie e cognitive degli anziani aumenta la spesa previdenziale e farmaceutica.  Una razionalizzazione della spesa farmaceutica per i pazienti cronici è importante. Utile sarebbe la creazione di un’unica farmacia regionale che acquisti i farmaci a prezzo più basso, prepari un pacchetto terapeutico mensile che possa essere spedito o consegnato direttamente al domicilio del malato. Si può ipotizzare un risparmio su questo capitolo di spesa, da 1,5 miliardi di Euro a 300 mila /anno e la creazione di nuovi posti di lavoro. La cronicità deve avvalersi di una reale integrazione ospedale territorio, della telemedicina e delle moderne piattaforme informatiche, social sanitari che mettendo in contatto ammalati, familiari, medici, enti e associazioni di volontariato, abbattono barriere geografiche e burocratiche.

Il quinto consiglio è il potenziamento degli attuali presidi di soccorso con deroga alle assunzioni. Non serve creare nuovi Pronto Soccorso in ospedali o strutture accreditate senza rianimazione e reale possibilità di ricovero in terapie intensive. Una città come Bari ha già tre ospedali con il Pronto Soccorso attivo H/24. Basterebbero il potenziamento di questi e l’invio dei codici bianchi alla medicina del territorio, specialistica e di base. I rischi sono eccessivo ricorso alla medicina difensiva e aumento della spesa.

A fronte di tutto questo al finanziatore del sistema spetta il compito del controllo minuzioso degli atti medici e la formulazione di regole uguali tra pubblico e privato.

Riccardo Guglielmi 

Pubblicato su Il Corriere Nazionale on line e sull’edizione straordinaria cartacea dell’8 settembre 2016 http://www.corrierepl.it/search-result/?q=riccardo%20guglielmi#gsc.tab=0&gsc.q=riccardo%20guglielmi&gsc.page=1